Giovedì, 12 Novembre 2015 10:51

Bambini down ritratti come i quadri più famosi al mondo In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

“Anch’io sono un opera d’arte”. Una mostra fotografica, con i bambini con Sindrome Down ed i quadri dei pittori famosi. La mostra si terrà fino al 16 novembre nel Museo nazionale di Tirana, in Albania.

La fotografa albanese di Soela Zani in collaborazione con la direttrice Emanuela Zaimi della Fondazione Down Syndrome Albania, hanno fatto una mostra fotografica che coinvolge  alcuni dei bambini malati di trisomia 21. La mostra consiste in una serie di ritratti di questi bambini ispirati da un certo numero di opere di alcuni pittori famosi in tutto il mondo. numero dei quadri dai pittori famosi del mondo. 

“Guardare questi 14 bambini nell’obiettivo della mia macchina fotografica, mi ha portato a ideare la mia prima mostra. Inoltre, cio che voglio dire e’ che questi bambini sono molto belli. Guardateli come guardereste le opere d’arte”, dice Zani.

La direttrice della fondazione ha intitolato la mostra “Anch’io sono un’opera d’arte”, questo proprio per accrescere la consapevolezza della gente in Albania sulle persone con la sindrome di Down e sostenere di più il loro coinvolgimento nella società.

Commenta la direttrice Zaimi: “Penso che l’arte e il coinvolgimento in progetti artistici delle persone con disabilità, accrescano la consapevolezza e facilitino il processo dell’integrazione. Penso che nel nostro paese, la combinzaione artista-disabilità è molto rara, per questo sono felice di portare avanti questo progetto. Voi madri che vedrete questa mostra, avvertirete che per noi, i bambini con disabilità sia mentale che fisica, sono l’opera piu bella del mondo, anche quando per il mondo non sembra essere proprio cosi…”.

 

GUARDA IL CATALOGO "ANCHE IO SONO UN'OPERA D'ARTE" IN PDF (LINGUA ALBANESE)

Letto 1707 volte
Maria Melania Barone

Giornalista pubblicista, nasce nel cuore di Napoli il 22 ottobre del 1985. Dopo i primi 9 anni trascorsi a Como ritorna a Napoli dove svolge l’attività di giornalista freelance sin dal 2005. Compie studi umanistici presso la facoltà di Lettere Moderne Università Federico II di Napoli e si interessa fin da subito al mondo editoriale con particolare attenzione a politica, ambiente e geopolitica. Nel 2006 riparte alla volta della Toscana, Umbria, Abruzzo dove lavora in agenzie di comunicazione e come giornalista freelance. La profonda conoscenza del suo paese e il continuo degrado ambientale e politico che dilaga ovunque, la convincono sempre di più che il giornalismo deve servire principalmente ad aiutare le masse “in un progresso sociale, in un’evoluzione delle coscienze e dello spirito critico”. Su facebook amministra molte pagine con decine di migliaia di iscritti e, proprio grazie a questo strumento e all’attività informativa, contribuisce a fondare nel 2011 YOUng.it che, nel 2012, rientra nella top 500 dei siti più visitati in Italia. Lascia il ruolo di vicedirettrice nell'agosto 2015 per poi dirigere Il Falso Quotidiano.
Prima di YOUng.it e Il Falso Quotidiano ha lavorato in Citynews dove si occupa della sezione cronaca e politica locale di Pescara. Ha scritto su mediterraneaonline.eu per la sezione ambiente, ha pubblicato sul Corriere del Mezzogiorno e Yahoo Lifestyle. Grazie alla sua "insana" passione per l'enogastronomia ha collaborato con Informacibo.it. Tra le sue esperienze più felici e formative rientra la lunga collaborazione con Dazebao.org e Dazebaonews.it, dove si è occupata di politica, ambiente, cronaca e società. E’ presente dal Luglio 2011 su Medias come giornalista esperta nel settore cronaca e società. Tra le sue maggiori inchieste e reportage rientrano: “L’oro nero dei petrolschiavi”, “Filovia di Pescara: storia di una piccola Tav”, “H1N1 e il business dei vaccini cui i visionari si opposero” oltre ad analisi geopolitiche sulla situazione ucraina, greca, e mediorientale.
Oggi ha accettato con entusiasmo la direzione de Il Falso Quotidiano, ambizioso progetto che si propone di leggere con spirito critico i maggiori organi di stampa, in modo da dare al lettore un'analisi a 360° delle diverse prospettive con cui è possibile analizzare le notizie di attualità. Si occupa anche di strategie di comunicazione e campagne per dar voce a battaglie sociali.
L'informazione dipende anche da come ce la raccontano e, in questo momento storico, occorre raccontarla in modo completo. Il giornalismo assurge soprattutto ad una funzione didattica che è volta a stimolare il Progresso. Ma il Progresso è alimentato dallo spirito critico e si misura con la consapevolezza di un Popolo.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Privacy

×
Iscriviti a "Il Falso Quotidiano.it" per rimanere sempre aggiornato!