Sabato, 31 Ottobre 2015 20:20

Inghilterra, 140 mila firme per Tara Hudson: sarà trasferita in un carcere femminile In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
A volte il web fa miracoli e cambia la vita delle persone. Ecco il caso della transessuale Tara Hudson che sarà trasferita in un carcere femminile.
 
 

Per colpa di una rissa in un bar, la transessuale Tara Hudson ha ricevuto la sentenza di tre mesi di reclusione in una prigione maschile di Bristol. “Non sono uomo” dichiara, “ho paura di quello che potrebbero farmi lì dentro”.

Anche i medici hanno confermato che Tara è una donna a tutti gli effetti e la ragazza si è impaurita al pensiero di ritrovarsi in mezzo agli uomini poiché è risaputo che, in un carcere maschile, i detenuti praticano spesso abusi sessuali anche fra persone dello stesso sesso. Cosa sarebbe potuto accadere dunque a una transessuale detenuta in un carcere maschile?

La transgender ventiseienne, durante il processo, aveva denunciato la paura di essere violentata, ma il giudice è stato irremovibile. Tara infatti , sui documenti, risulta ancora un uomo. In suo aiuto è stata attivata una petizione che ha raccolto ben 140.000 firme, ottenendo in questo modo, il trasferimento in un carcere femminile.

Quello della transizione è un percorso che la Hudson ha iniziato sei anni fa, sono servite pesanti dosi di ormoni femminili e molti interventi chirurgici per scolpire il suo corpo.

Il regolamento britannico riguardante i carceri, dice che i transessuali vadano disposti secondo il loro vero status. Le norme però aggiungono che “persone in un sufficiente avanzamento della transizione possano essere disposte nell’ambito del loro genere acquisito, anche se la legge non lo ha ancora riconosciuto”.

Letto 1030 volte Ultima modifica il Sabato, 31 Ottobre 2015 20:50
Ilaria Blandi

Content curator settore cronaca e società.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Privacy

×
Iscriviti a "Il Falso Quotidiano.it" per rimanere sempre aggiornato!