Sabato, 21 Novembre 2015 09:38

Nostradamus: profezia sulla Terza Guerra Mondiale In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(113 Voti)

"La grande guerra inizierà inFrancia e poi tutta l’Europa sarà colpita, lunga e terribile essa sarà per tutti… poi finalmente verrà la pace ma in pochi ne potranno godere".

Ci sono delle notizie vere e altre false e, quelle fase, hanno spesso una vita molto breve. Ma ci sono notizie che non sono nè vere, nè false: la veridicità potremmo scoprirla solo vivendo. Una di queste è sicuramente la profezia sulla Terza Guerra Mondiale dell'astrologo francese Nostradamus, autore del celebre libro Le Profezie. Si tratta di un libro allegorico, poetico, basato su calcoli astrali. Il risultato sono quartine profetiche, raccolte in gruppi di 100 e pubblicate nel libro Centuries et prophéties (1555). È considerato da molti, assieme a san Malachia, come uno tra i più famosi ed importanti scrittori di profezie della storia, avrebbe inoltre predetto una quantità incredibilmente vasta di eventi tra cui: la rivoluzione francese, la bomba atomica, gli attentati dell'11 settembre 2001. Celebri quelle sui Papi della Chiesa che, secondo molti studiosi, si sarebbero quasi tutte verificate. Giacchè il linguaggio usato dall'autore è allegorico, alcune terzine sono di difficile interpretazione. 

Chiarissime invece le terzine che riguarderebbero, secondo alcuni, la Terza Guerra Mondiale: "La grande guerra inizierà in Francia e poi tutta l’Europa sarà colpita, lunga e terribile essa sarà per tutti… poi finalmente verrà la pace ma in pochi ne potranno godere". Dopo aver letto queste parole ci sembra impossibile non pensare a Parigi e agli attentati del 13 novembre così come quelli del 7 gennaio scorso. Non a caso nel libro, un'altra terzina recita: "Ci saranno tanti cavalli dei cosacchi (popolazioni nomade tartare che abitavano nelle steppe russe) che berranno nelle fontane di Roma". Quest'ultima frase inoltre fa pensare agli allarmi di attentati previsti nei pressi della fontana di Trevi il 18 novembre.

Secondo le profezie di Nostradamus, la guerra sarà terribile ovunque, i giusti soffriranno molto e, al termine della guerra solo in pochi godranno della pace: "…Roma sparirà e il fuoco cadrà dal cielo e distruggerà tre città. Tutto si crederà perduto e non si vedranno che omicidi; non si sentirà che rumori di armi e bestemmie. I giusti soffriranno molto. (…) Roma perderà la fede e diventerà il seggio dell’Anticristo. I demoni dell’aria, con l’Anticristo, faranno dei grandi prodigi sulla terra e nell’aria e gli uomini si pervertiranno sempre di più…". 

Va comunque precisato che la locuzione "Terza Guerra Mondiale" non figura mai fra le quartine di Nostradamus, ma è un'interpretazione dovuta ai recenti accadimenti che fanno per l'appunto pensare a una guerra di proporzioni mondiali. La profezia di Nostradamus parla solo di una grande guerra, ma ne sottolinea l'imponenza, la violenza, il caos, il dolore, le proporzioni.

Oltre della distruzione di Roma, come scrive il blogger Angelo Iervolino, parla anche della distruzione di Parigi, Napoli, Salerno, Sicilia, Sardegna, Sud della Francia ed altre città. 

LEGGI ANCHE

Parigi: "Attacco all'Europa! Attacco all'umanità"

La crisi dei servizi segreti francesi e la strage di Parigi

La questione del Jihad dopo gli attentati di Parigi

Letto 163581 volte Ultima modifica il Sabato, 21 Novembre 2015 22:18
Maria Melania Barone

Giornalista pubblicista, nasce nel cuore di Napoli il 22 ottobre del 1985. Dopo i primi 9 anni trascorsi a Como ritorna a Napoli dove svolge l’attività di giornalista freelance sin dal 2005. Compie studi umanistici presso la facoltà di Lettere Moderne Università Federico II di Napoli e si interessa fin da subito al mondo editoriale con particolare attenzione a politica, ambiente e geopolitica. Nel 2006 riparte alla volta della Toscana, Umbria, Abruzzo dove lavora in agenzie di comunicazione e come giornalista freelance. La profonda conoscenza del suo paese e il continuo degrado ambientale e politico che dilaga ovunque, la convincono sempre di più che il giornalismo deve servire principalmente ad aiutare le masse “in un progresso sociale, in un’evoluzione delle coscienze e dello spirito critico”. Su facebook amministra molte pagine con decine di migliaia di iscritti e, proprio grazie a questo strumento e all’attività informativa, contribuisce a fondare nel 2011 YOUng.it che, nel 2012, rientra nella top 500 dei siti più visitati in Italia. Lascia il ruolo di vicedirettrice nell'agosto 2015 per poi dirigere Il Falso Quotidiano.
Prima di YOUng.it e Il Falso Quotidiano ha lavorato in Citynews dove si occupa della sezione cronaca e politica locale di Pescara. Ha scritto su mediterraneaonline.eu per la sezione ambiente, ha pubblicato sul Corriere del Mezzogiorno e Yahoo Lifestyle. Grazie alla sua "insana" passione per l'enogastronomia ha collaborato con Informacibo.it. Tra le sue esperienze più felici e formative rientra la lunga collaborazione con Dazebao.org e Dazebaonews.it, dove si è occupata di politica, ambiente, cronaca e società. E’ presente dal Luglio 2011 su Medias come giornalista esperta nel settore cronaca e società. Tra le sue maggiori inchieste e reportage rientrano: “L’oro nero dei petrolschiavi”, “Filovia di Pescara: storia di una piccola Tav”, “H1N1 e il business dei vaccini cui i visionari si opposero” oltre ad analisi geopolitiche sulla situazione ucraina, greca, e mediorientale.
Oggi ha accettato con entusiasmo la direzione de Il Falso Quotidiano, ambizioso progetto che si propone di leggere con spirito critico i maggiori organi di stampa, in modo da dare al lettore un'analisi a 360° delle diverse prospettive con cui è possibile analizzare le notizie di attualità. Si occupa anche di strategie di comunicazione e campagne per dar voce a battaglie sociali.
L'informazione dipende anche da come ce la raccontano e, in questo momento storico, occorre raccontarla in modo completo. Il giornalismo assurge soprattutto ad una funzione didattica che è volta a stimolare il Progresso. Ma il Progresso è alimentato dallo spirito critico e si misura con la consapevolezza di un Popolo.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Privacy

×
Iscriviti a "Il Falso Quotidiano.it" per rimanere sempre aggiornato!