Lunedì, 04 Gennaio 2016 11:38

INTERVISTA AD UN'UCRAINA DEL DONBASS: "MI SENTO RUSSA, VOGLIO PUTIN COME PRESIDENTE!" In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)
IO SONO DEL DONBASS, SONO UCRAINA, MA LA VERITà E' CHE SONO RUSSA. VOGLIO PUTIN COME PRESIDENTE DEL GOVERNO UCRAINO!
 
L'altro giorno per puro caso, abbiamo incontrato nel tram una bella donna, molto elegante. Attendeva l'autobus per andare nella zona "bene" di Napoli. E' ucraina. Diceva che per lei non esistono feste perché è costretta a lavorare ancora tanto per i suoi figli che sono molto lontani da lei.
Si chiama Natalia. Forse non molti sanno che i popoli asiatici e i russi e ucraini in particolare, sono molto più interessati alla politica estera che a quella interna. Ecco perché questa donna è molto istruita su quanto sta accadendo al suo paese ed è molto preparata in merito.
 
Il Falso Quotidiano : "Come mai hai bisogno di lavorare tanto?"
 
Natalya: "Purtroppo io vengo dai paesi dove c'è stata la guerra. Vengo dal Donbass. Noi vogliamo passare con la Russia, ci sentiamo parte del popolo russo e per noi è assurdo che il mio paese faccia la guerra ai miei fratelli russi. Li gli stipendi sono bassissimi, il prezzo del gas è arrivato alle stelle. I miei figli non ce la fanno a pagare".
 
Il Falso Quotidiano: "E quanto guadagni al mese qui? I tuoi figli quanto prendono invece?"
 
Natalya: "I miei figli guadagnano300 euro al mese ma una bolletta della luce costa di più a volte. Il gas non ne parliamo. Vivono in povertà e se la cavano perché lui ha 30 anni e fa il poliziotto, la mia figlia più piccola ne ha 25 e fa la parrucchiera"
 
Il Falso Quotidiano: "Come va la situazione li? come vorresti che cambiasse?"
 
Natalya: "La situazione non può che andare male. Il nostro paese è senza soldi, quando gli scontri erano ancora forti, il governo raccattava la gente per strada e li mandava a combattere senza che avessero nemmeno i fondi per una divisa da militari. Adesso la situazione è peggiorata più che altro dal punto di vista democratico".

Il Falso Quotidiano: "In che senso?".


Natalya: "E' importante che si sappia che il governo ucraino filo-occidentale e manovrato dagli americani, ha oscurato i canali televisivi e i siti web russi. Sanno che noi ci sentiamo russi, ma ci impediscono di esserlo nella vita quotidiana". Lo siamo stati per tanto tempo, purtroppo esiste davvero una parte dell'Ucraina che va contro la russia e sono gli ucraini dell'ovest. Io non ho mai capito come ragionano quelli, ma essendo in un certo senso la periferia dell'unione sovietica, forse è anche normale che rifiutino la Russia e Putin. Tuttavia il massimo che possono ricavare da quell'orribile occidente è di essere la periferia dell'Europa. E non è meglio essere la periferia della Russia più che dell'Europa?"
 

Il Falso Quotidiano: "In un certo senso si. L'Europa è un pò la periferia dell'America e lo abbiamo visto in che stato si trova. Tu cosa pensi di Putin?"
 
Natalya: "Io sono ucraina, ma sono anche russa. Amo la Russia e amo Putin. Se non ci fosse stato un uomo così forte al governo russo la Russia sarebbe morta, uccisa dagli americani, sporchi, traditori, assassini di popoli. La mia amata Russia è un grande popolo, un grande paese. L'America ha voluto smembrarlo fino al midollo e sta provando a strappare alla Russia ogni suo pezzo vitale. Per questo l'Occidente attacca Assad, per togliere forza al popolo russo perché la Siria è un paese importante per l'economia russa. Putin avrebbe potuto cedere ma non lo ha fatto perché lui ha un grande onore e non è un traditore. Lui non tradisce i suoi amici. mantiene sempre la parola. Ma è anche attento a chi lo tradisce, è un uomo che si è formato all'interno dei servizi segreti. In questo difficile momento storico, se al posto di Putin ci fosse stato qualcun altro, se ci fosse stato anche solo un estremista o un Comunista, credo che la Russia sarebbe stata distrutta. Putin sta resistendo ed è riuscito a evitare molte volte che l'America attuasse il suo piano di guerra mondiale. Quando la Turchia traditrice ha attaccato l'aereo russo sul Sinai, Putin è stato bravo a destabilizzare la Erdogan. Li la misura era davvero colma, ma lui ha capito che l'America, tramite i suoi emissari, stava cercando di destabilizzare la situazione per trovare il "casus belli". chiunque ci sarebbe cascato, ma non lui. Non Putin".
 

Il Falso Quotidiano: Putin non piace solo all'Ucraina, ma anche all'Europa: dicono che abbia il più alto indice di gradimento al mondo: l'80% in tutto il mondo e ne è consapevole, per questo quando il presidente della Federazione russa disse: "Se l'Italia volesse passare dalla parte della Russia verrebbe accolta a braccia aperte!". Ed è vero, in un certo senso Europa e Asia hanno sempre portato avanti un grande mercato nel corso dei secoli, il progetto Eurasiatico sostanzialmente non


Letto 1641 volte Ultima modifica il Martedì, 05 Gennaio 2016 09:54
Maria Melania Barone

Giornalista pubblicista, nasce nel cuore di Napoli il 22 ottobre del 1985. Dopo i primi 9 anni trascorsi a Como ritorna a Napoli dove svolge l’attività di giornalista freelance sin dal 2005. Compie studi umanistici presso la facoltà di Lettere Moderne Università Federico II di Napoli e si interessa fin da subito al mondo editoriale con particolare attenzione a politica, ambiente e geopolitica. Nel 2006 riparte alla volta della Toscana, Umbria, Abruzzo dove lavora in agenzie di comunicazione e come giornalista freelance. La profonda conoscenza del suo paese e il continuo degrado ambientale e politico che dilaga ovunque, la convincono sempre di più che il giornalismo deve servire principalmente ad aiutare le masse “in un progresso sociale, in un’evoluzione delle coscienze e dello spirito critico”. Su facebook amministra molte pagine con decine di migliaia di iscritti e, proprio grazie a questo strumento e all’attività informativa, contribuisce a fondare nel 2011 YOUng.it che, nel 2012, rientra nella top 500 dei siti più visitati in Italia. Lascia il ruolo di vicedirettrice nell'agosto 2015 per poi dirigere Il Falso Quotidiano.
Prima di YOUng.it e Il Falso Quotidiano ha lavorato in Citynews dove si occupa della sezione cronaca e politica locale di Pescara. Ha scritto su mediterraneaonline.eu per la sezione ambiente, ha pubblicato sul Corriere del Mezzogiorno e Yahoo Lifestyle. Grazie alla sua "insana" passione per l'enogastronomia ha collaborato con Informacibo.it. Tra le sue esperienze più felici e formative rientra la lunga collaborazione con Dazebao.org e Dazebaonews.it, dove si è occupata di politica, ambiente, cronaca e società. E’ presente dal Luglio 2011 su Medias come giornalista esperta nel settore cronaca e società. Tra le sue maggiori inchieste e reportage rientrano: “L’oro nero dei petrolschiavi”, “Filovia di Pescara: storia di una piccola Tav”, “H1N1 e il business dei vaccini cui i visionari si opposero” oltre ad analisi geopolitiche sulla situazione ucraina, greca, e mediorientale.
Oggi ha accettato con entusiasmo la direzione de Il Falso Quotidiano, ambizioso progetto che si propone di leggere con spirito critico i maggiori organi di stampa, in modo da dare al lettore un'analisi a 360° delle diverse prospettive con cui è possibile analizzare le notizie di attualità. Si occupa anche di strategie di comunicazione e campagne per dar voce a battaglie sociali.
L'informazione dipende anche da come ce la raccontano e, in questo momento storico, occorre raccontarla in modo completo. Il giornalismo assurge soprattutto ad una funzione didattica che è volta a stimolare il Progresso. Ma il Progresso è alimentato dallo spirito critico e si misura con la consapevolezza di un Popolo.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Privacy

×
Iscriviti a "Il Falso Quotidiano.it" per rimanere sempre aggiornato!